Categorie
Uncategorized

Coronavirus, l’Italia diventa zona protetta.

La bellezza dell’Italia ripartirà con l’ultimo provvedimento del governo, che consiste nel raccomandare il massimo livello di prevenzione contro il Coronavirus. Fermarsi con consapevolezza per ricominciare sani e più forti di prima.

Probabilmente anche voi in queste ore state riflettendo sulla seria problematica del Coronavirus. Tante le campagne di sensibilizzazione da parte di enti istituzionali come il Ministero della Salute e personaggi dello spettacolo, tutti invitano ad adottare i comportamenti più idonei a limitare i rischi di contagio.

Una situazione surreale come questa potrebbe sembrare la sceneggiatura di un film di fantascienza, ma purtroppo è tutto reale. L’alto livello di emergenza che sussiste in questi giorni ci invita a rispettare delle precise norme di comportamento fra cui il frequente lavaggio delle mani, la limitazione degli spostamenti, il mantenimento della distanza di 1,50 m dalle altre persone e il divieto di frequentare luoghi ed eventi che concentrano un gran numero di persone.

Italia Coronavirus
Il ritratto di un’Italia temporaneamente chiusa per l’emergenza del Coronavirus

Nelle ultime ore queste raccomandazioni hanno assunto una sfumatura più perentoria. Non si sente altro che l’invito accorato da parte delle istituzioni di rimanere nelle proprie case, rivolto a tutti i cittadini italiani. Proprio questa sera il messaggio in TV del Premier Conte stabilisce l’emergenza del Coronavirus per tutto il territorio nazionale. La zona rossa, fino alla settimana scorsa limitata alla Lombardia e ad altre 14 provincie, da oggi 9 marzo è estesa a tutta la penisola.

L’Italia unita contro il Coronavirus, nemico invisibile ma insidioso

È lo scenario di un’Italia che alza le sue barriere di difesa contro un nemico invisibile ma molto insidioso, potenzialmente in grado di trovare ospitalità nell’organismo delle persone. Il Coronavirus è un agente patogeno appartenente all’omonimo ceppo virale, in grado di diffondersi attraverso i colpi di tosse, starnuti e goccioline di saliva. Per tutte queste caratteristiche il Covid19 (nome scientifico del virus) condivide molti aspetti con le infezioni stagionali di ogni anno, con la differenza che questo virus comporta delle complicanze a livello polmonare.

Coronavirus
Il Coronavirus con la sua caratteristica conformazione a corolla

Stando alle notizie che tutti abbiamo appreso in questi giorni, il virus che stiamo affrontando avrebbe il potere di diffondersi facilmente con pochi contatti interpersonali. Per questo motivo siamo assillati – nell ‘accezione positiva del termine – dalle raccomandazioni di istituzioni e testimonial che invitano a rispettare la distanza di sicurezza idonea a prevenire il contagio, che non dovrebbe essere inferiore al metro e mezzo. Siamo dunque tutti in isolamento e dobbiamo accettare con consapevolezza il valore della prevenzione, l’unico strumento che in casi come questo ci permette di proteggere noi stessi, i nostri cari e tutte le persone che fanno parte della nostra comunità.

Fermarsi per vincere e far ripartire il Paese

Fermarsi non è sinonimo di debolezza o sconfitta, ma un comportamento maturo e consapevole che evita di mettere a repentaglio la vita propria e quella delle altrui persone. Il Coronavirus ci sta facendo – si spera – riscoprire il lato più umano di noi stessi, siamo in grado di prendere atto della difficoltà e di farne un’arma collettiva contro il virus. Uno scenario come questo ci vede tutti attori di un importante lavoro di gruppo, impegnati ad affrontare una sfida che sicuramente ci premierà con la guarigione di coloro i quali si sono ammalati e di prevenire il contagio del virus fra le persone sane.

Saranno giorni difficili per l’economia di tante imprese che compongono il tessuto produttivo del Paese, vista la situazione di stallo che si prospetta, ma almeno possiamo ragionare con lungimiranza. Se continuiamo ad autoisolarci potremo difendere la nostra salute, il grande patrimonio di cui disponiamo e che ci permetterà di ripartire più forti di prima quando questo incubo sarà finalmente finito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *