Categorie
Viaggi

Alla scoperta di Pietrapertosa, perla delle Dolomiti Lucane

Lo vedete questo borgo coricato sulle pendici delle montagne? Non è l’idea per il prossimo presepe, anche se in effetti ha tutte le caratteristiche per esserlo, ma una suggestiva cittadina situata nel territorio delle Dolomiti Lucane, un complesso roccioso che attira molto il turismo sportivo. Si tratta di Pietrapertosa, in provincia di Potenza in Basilicata. Amanti del trekking, escursionisti e impavidi scalatori, trovano in questo territorio un naturale parco divertimenti dove poter esercitare la propria passione per le attività outdoor, ma anche fotografi naturalistici e persino buongustai alla ricerca di chicche gastronomiche da provare. Pietrapertosa e tutto il paesaggio ai piedi delle maestose montagne rocciose è una realtà in grado di offrire un’esperienza di benessere a 360°. Non vi resta che recarvici. 

Periodo migliore per visitare Pietrapertosa.

E’ un luogo di montagna dal fascino autentico, Pietrapertosa. Per apprezzarne l’aria incontaminata e la bellezza paesaggistica, consiglio di visitarla in primavera, tra aprile e maggio, oppure nel periodo tra settembre e ottobre in modo da trovare giornate soleggiate non troppo roventi. Io personalmente ho avuto modo di visitare questo borgo all’inizio di giugno: l’esperienza è stata ugualmente piacevole, a parte il sole cocente.

Panoramica Pietrapertosa
Veduta paesaggistica dal punto più alto di Pietrapertosa

Se proprio non resistete a visitare questa località nel periodo estivo, equipaggiatevi di cappello leggero per riparare il capo, crema solare, di un abbigliamento fresco e comodo e di scarponcini che vi permettano camminare sulle ripide rocce. Per il resto godetevi lo spettacolo della natura che si svelerà ai vostri occhi man mano che salirete di quota.

A Pietrapertosa, una tappa del gusto imperdibile. 

Ogni gita che si rispetti non manca di stuzzicare l’appetito per le lunghe camminate e, a Pietrapertosa, non mancano i posti dove rifocillarsi con piatti tipici davvero gustosi.

Maccheroni piatto tipico Basilicata
Maccheroni al pangrattato e noci

Il ristorante ‘Le Rocce’, sito in uno dei vicoli del centro storico, è un concentrato di calorosa ospitalità, ambientazione autentica in pietra e odori inebrianti di cucina tipica regionale. Accolti da una gentile signora, che ci ha fatti accomodare, io ed il mio amico abbiamo sfogliato il menù scoprendo tante prelibatezze aventi in comune la genuinità dei prodotti e la semplicità di una volta. Nel leggere quelle pagine golose, la mia attenzione è stata catturata dai maccheroni artigianali con pangrattato e noci, che alla fine ho scelto di ordinare. La sua bontà ha confermato la qualità del mio intuito verso un piatto che può considerarsi di nicchia, lontano dalle mode culinarie, che mi ha conquistato con la tipica fragranza della pasta fatta in casa.

Le mie considerazioni finali su questa meta turistica sono senza dubbio positive. Ho trovato in Pietrapertosa una una località poliedrica, capace di attirare diverse tipologie di turismo e di incantare i visitatori con le sue panoramiche mozzafiato. Questo pittoresco borgo incastonato nelle rocce si fa ricordare per il suo spirito di avventura, tra passeggiate nella natura, avvincenti percorsi ideali per il trekking e deliziosi rifugi per appagare la voglia di assaggiare buonissimi piatti tipici. 

Lo vedete questo borgo coricato sulle pendici delle montagne? Non è l’idea per il prossimo presepe, anche se in effetti ha tutte le caratteristiche per esserlo, ma una suggestiva cittadina situata nel territorio delle Dolomiti Lucane, un complesso roccioso che attira molto il turismo sportivo. Si tratta di Pietrapertosa, in provincia di Potenza in Basilicata. Amanti del trekking, escursionisti e impavidi scalatori, trovano in questo territorio un naturale parco divertimenti dove poter esercitare la propria passione per le attività outdoor, ma anche fotografi naturalistici e persino buongustai alla ricerca di chicche gastronomiche da provare. Pietrapertosa e tutto il paesaggio ai piedi delle maestose montagne rocciose è una realtà in grado di offrire un’esperienza di benessere a 360°. Non vi resta che recarvici. 

Periodo migliore per visitare Pietrapertosa.

E’ un luogo di montagna dal fascino autentico, Pietrapertosa. Per apprezzarne l’aria incontaminata e la bellezza paesaggistica, consiglio di visitarla in primavera, tra aprile e maggio, oppure nel periodo tra settembre e ottobre in modo da trovare giornate soleggiate non troppo roventi. Io personalmente ho avuto modo di visitare questo borgo all’inizio di giugno: l’esperienza è stata ugualmente piacevole, a parte il sole cocente.

Panoramica Pietrapertosa
Veduta paesaggistica dal punto più alto di Pietrapertosa

Se proprio non resistete a visitare questa località nel periodo estivo, equipaggiatevi di cappello leggero per riparare il capo, crema solare, di un abbigliamento fresco e comodo e di scarponcini che vi permettano camminare sulle ripide rocce. Per il resto godetevi lo spettacolo della natura che si svelerà ai vostri occhi man mano che salirete di quota.

A Pietrapertosa, una tappa del gusto imperdibile. 

Ogni gita che si rispetti non manca di stuzzicare l’appetito per le lunghe camminate e, a Pietrapertosa, non mancano i posti dove rifocillarsi con piatti tipici davvero gustosi.

Maccheroni piatto tipico Basilicata
Maccheroni al pangrattato e noci

Il ristorante ‘Le Rocce’, sito in uno dei vicoli del centro storico, è un concentrato di calorosa ospitalità, ambientazione autentica in pietra e odori inebrianti di cucina tipica regionale. Accolti da una gentile signora, che ci ha fatti accomodare, io ed il mio amico abbiamo sfogliato il menù scoprendo tante prelibatezze aventi in comune la genuinità dei prodotti e la semplicità di una volta. Nel leggere quelle pagine golose, la mia attenzione è stata catturata dai maccheroni artigianali con pangrattato e noci, che alla fine ho scelto di ordinare. La sua bontà ha confermato la qualità del mio intuito verso un piatto che può considerarsi di nicchia, lontano dalle mode culinarie, che mi ha conquistato con la tipica fragranza della pasta fatta in casa.

Le mie considerazioni finali su questa meta turistica sono senza dubbio positive. Ho trovato in Pietrapertosa una una località poliedrica, capace di attirare diverse tipologie di turismo e di incantare i visitatori con le sue panoramiche mozzafiato. Questo pittoresco borgo incastonato nelle rocce si fa ricordare per il suo spirito di avventura, tra passeggiate nella natura, avvincenti percorsi ideali per il trekking e deliziosi rifugi per appagare la voglia di assaggiare buonissimi piatti tipici. 

20 risposte su “Alla scoperta di Pietrapertosa, perla delle Dolomiti Lucane”

Trovare pasta fatta davvero in casa oggi è una rarità, e questi maccheroncini sembrano davvero avere un gusto autentico. Come autentico sembra essere questo paese, dai colori intriganti e dai sentieri verdeggianti. Chissà che non riesca a farci un salto in primavera.

Ben detto, è una vera risorsa di scoperte paesaggistiche e gastronomiche. La primavera è il periodo ideale per andarci, spero di conoscere le tue impressioni dopo che avrai visto Pietrapertosa 😉 Saluti 👋

Ti auguro di avere la possibilità di andarci, è una gran bella località. Per chi ama il trekking e l’escursionismo è il massimo, data la presenza di percorsi che si sviluppano sulla montagna. L’importante è essere ben equipaggiati 👌😊

Ho sentito parlare spesso delle Dolomiti Lucane. Delle persone che conoscono le mettono a confronto con le Piccole Dolomiti dell’Alto Vicentno, ovvero le mie montagne. Mi incuriosiscono molto.

Mi fa piacere di averti fatto scoprire una nuova località con questo articolo 😉 Il bello di leggere un blog è quello di spulciare notizie interessanti che altrimenti non si troverebbero da altre parti 👌🙂 Grazie e buona giornata 😉

Ciao Augusta, ti confesso che il percorso che ho fatto era abbastanza impegnativo, ecco perché nell’articolo consigliavo di indossare scarponcini ed abbigliamento comodo. Ricordo comunque di aver percorso il lungo sentiero che collega Pietrapertosa a Castelmezzano, molto affascinante per essere immerso nella natura, di facile percorrenza ma abbastanza lungo.

Non conoscevo le Dolomiti Lucane mentre avevo già sentito nominare il borgo. Non sono amante del trekking in sé e preferisco decisamente passeggiare per i borghi e le città, scoprirne ogni anfratto ed ovviamente provare le specialità tipiche; Pietrapertosa sembra però adatta anche per questo e mi incuriosisce molto,

Sono d’accordo con te, è una località che si rivolge a varie tipologie di turismo. Da quello più spericolato – è infatti territorio famoso per il Volo dell’angelo – a quello più complativo ed enogastronomico. Vale la pena andarci 👌😉

Confermo che erano buonissimi i maccheroni, tratteneva o tutto il gusto della pasta fatta in casa 😋 Ti consiglio di segnarti il nome del ristorante per quando ti troverai a Pietrapertosa 🙂 Saluti e buon fine settimana 😀👋

Splendido trekking quello da te consigliato. Sicuramente devo prima allenarmi un po’ perché è da un po’ che purtroppo non cammino si tratti pendenti. Il panorama però, vedo dalle tue foto, merita la fatica.

Grazie Rossella, in effetti è stata un’esperienza avvincente, affrontare i percorsi in salita e discesa. Però con la giusta motivazione si può vivere questa località in piena armonia con il bel paesaggio 👌🔝

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *